Education

Dove nasce il green diesel

 By Francesca Chemollo

Il sogno dell’ingegnere tedesco Rudolf Diesel era inventare un motore meno inquinante di quello a vapore, con migliore resa e consumi ridotti. Il brevetto che porta il suo nome è del 1892: non funzionava a petrolio, ma con olio di arachide. Esattamente 120 anni dopo, nel settembre 2012, Eni ha depositato il brevetto che ha dato vita alla prima riconversione al mondo di una raffineria tradizionale in bioraffineria e al primo carburante con il 15% di componente rinnovabile, l’Eni Diesel+. Eni ha portato a Venezia le Associazioni dei Consumatori per far vedere come funziona il nuovo ciclo produttivo. A Porto Marghera la gloriosa raffineria che dal 1926 ha importato petrolio greggio per alimentare tubi e forni e produrre benzine, dal maggio 2014 va a olio vegetale ed entro un paio d’anni potrà essere “nutrita” anche da olii esausti, grassi animali, alghe e canne palustri… 

Il sogno dell’ingegnere tedesco Rudolf Diesel era inventare un motore meno inquinante di quello a vapore, con migliore resa e consumi ridotti. Il brevetto che porta il suo nome è del 1892: non funzionava a petrolio, ma con olio di arachide. Esattamente 120 anni dopo, nel settembre 2012, Eni ha depositato il brevetto che ha dato vita alla prima riconversione al mondo di una raffineria tradizionale in bioraffineria e al primo carburante con il 15% di componente rinnovabile, l’Eni Diesel+.

Siamo sul waterfront più prezioso del mondo, quello di Venezia. Qui la raffineria che dal 1926 ha importato petrolio greggio per alimentare tubi e forni e produrre benzine, dal maggio 2014 va a olio vegetale ed entro un paio d’anni potrà essere “nutrita” anche da olii esausti, grassi animali, alghe e canne palustri. È stata la prima fabbrica a essere costruita in quella che è diventata la più estesa area industriale d’Italia, Porto Marghera, ed è stata la prima a trasformarsi.

La visita dei rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori, una quindicina di responsabili Energia giunti da Roma e Milano, organizzata dall’unità RAPAC di Eni, è stata consumata in una tiepida mattina di maggio. Le loro domande sono state tante, e mirate. Non poteva che essere così, perché l’assunto di tre ore di incontro può sembrare il contrario di ciò che ci si aspetta di sentire da chi ha il core business nell’oil & gas: «Dobbiamo continuare a focalizzarci sulla riduzione delle emissioni delle fonti energetiche tradizionali – ha esordito Francesco Santangelo, responsabile Eni dei Rapporti con le Associazioni dei Consumatori – e dobbiamo crescere nella ricerca e sviluppo delle nuove fonti green».

Come si produce un biocarburante

«Nella Bioraffineria di Venezia utilizziamo olio di palma certificato, cioè frutto di coltivazioni esistenti da molti anni, quindi sicuramente non causa di deforestazione – ha spiegato Giacomo Rispoli, “l’inventore” di questa tecnologia, ora Supply manager di Eni – e inoltre verifichiamo con audit locali, in Malesia e Indonesia. Ma la nostra tecnologia Ecofining® è flessibile, quindi potrà trasformare in green diesel l’olio ricavato dalle microalghe che già stiamo testando a Gela, oppure gli olii waste, oppure ancora i grassi animali e gli olii microbici da biomasse».

Eni ha scelto l’opzione make invece che buy, quindi di produrre da sé la parte bio che, per norma dell’Unione Europea, avrebbe altrimenti dovuto comprare sul mercato, il cosiddetto FAME, che è sempre a base di olii vegetali lavorati.

Oggi la parte bio del diesel che tutti acquistiamo in qualsiasi stazione di rifornimento è del 5,5%, dovrà essere del 6,5% nel 2017 e crescendo fino al 10% nel 2020. Quest’obbligo ha dato nuova vita alla Raffineria di Venezia, destinata a chiudere nel 2011, e alla Raffineria di Gela, dove i lavori per la riconversione degli impianti sono iniziati nel mese di aprile scorso.

La Eni Green Refinery di Venezia

«Abbiamo salvato tanti posti di lavoro – ha detto Michele Viglianisi, Direttore della Bioraffineria – dopo mesi di cassa integrazione e molte incertezze, in poco più di sei mesi abbiamo ottenuto le autorizzazioni, modificato gli impianti e avviato la produzione, nel maggio 2014. E non solo, perché questa fabbrica è anche un sito di logistica avanzata che non ha paragoni in Italia: qui arrivano e distribuiamo sul territorio 3 milioni di tonnellate di prodotti finiti, blendiamo il green diesel per creare l’Eni Diesel+, l’unico carburante che ha una parte rinnovabile ben superiore a quanto previsto dalla legge europea e che, oltre a migliorare le prestazioni del motore riducendo i consumi fino al 4%, contribuisce a ridurre le emissioni di CO2 in media del 5% e in modo significativo quelle inquinanti di idrocarburi incombusti, di ossido di carbonio e particolato».

L'insediamento industriale di Porto Marghera nel 1935

Quasi un ritorno alle origini, all’intuizione di Rudolf Diesel, con un’innovazione tecnologica che rende unico il green diesel prodotto a Venezia: grazie all’utilizzo di idrogeno, l’olio di palma viene completamente privato dell’ossigeno, dando vita alla conversione dei trigliceridi in isoparaffine e paraffine, annullando del tutto la presenza di zolfo, azoto e poliaromatici. Tutto ciò avverrà anche con le materie prime di seconda e terza generazione – non appena sarà possibile costruire l’impianto per la produzione di idrogeno da gas metano – grazie all’esperienza acquisita in questi due anni a Venezia e alle ricerche dell’Istituto Donegani, che dal 2007 ha cambiato mission, diventando il Centro di Ricerca Eni per le energie rinnovabili e l’ambiente.

«Abbiamo studiato in questi anni la produttività dell’olio ricavabile dalla fermentazione degli zuccheri prodotti da biomasse ligninocellulosiche – ha spiegato Daniele Bianchi del Centro ricerche Eni Donegani – scoprendo ad esempio che quella ottenuta a partire dall’Arundo Donax, la canna che cresce lungo i corsi d’acqua, è maggiore anche dell’olio di palma. Dal 2011 stiamo studiando le microalghe nel nostro impianto pilota a Gela, mentre a Novara stiamo sviluppando una tecnologia per produrre un bio-olio dalla frazione organica dei rifiuti domestici. Nei laboratori di ricerca Eni a San Donato è invece in fase di sviluppo un processo per trasformare la glicerina grezza in un biodiesel avanzato. La glicerina grezza è un sottoprodotto delle produzione del biodiesel convenzionale che la normativa europea considera materia prima avanzata».

Foto di gruppo nella bioraffineria

Per concludere la giornata, caschetti gialli in testa e tour in pulmino, per vedere da vicino la darsena dove ormeggiano le navi, i tubi che ora contengono biomasse e il bunker che durante la seconda guerra mondiale, quando le bombe degli Alleati rasero al suolo la Raffineria, salvò la vita a chi vi stava lavorando.

«Mi piace questa Eni che guarda lontano, che torna alle rinnovabili e che investe in Italia – è stato uno dei commenti dei rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori – era leader in questo settore tanti anni fa. Per chi c’era è come se Eni stesse ritrovando se stessa».

informazioni sull'autore
Francesca Chemollo
Giornalista, dal 2007 lavora all'ufficio stampa Eni