Sparks

Chicchi di energia

 By Robin Wylie

Un nuovo studio sino-americano ha scoperto un modo innovativo e low cost per produrre un tipo vitale di idrocarburo dai fondi del caffè. Come? Usando la torrefazione, un processo di riscaldamento che rimuove l’ossigeno dal materiale vegetale rendendolo più leggero e dunque più economico per il trasporto. La tecnologia per generare idrocarburi aromatici dagli scarti di caffè infatti esisteva già, ma i costi elevati impedivano che la lavorazione si potesse fare su ampia scala…

La vostra tazzina di caffè mattutina può essere più utile di quanto non crediate. Un nuovo studio ha scoperto un modo innovativo per produrre un tipo vitale di idrocarburo dai fondi del caffè. Gli idrocarburi aromatici, un gruppo di sostanze chimiche che include benzene (C6H6), toluene (C7H8) e xylene (C8H10), hanno un ruolo centrale nella vita moderna. Questi liquidi, che prendono il nome dal loro particolare odore, sono usati per produrre di tutto, dagli elementi elettronici alla penicillina. Il nylon deriva in parte dal benzene, dunque c’è una possibilità reale che alcuni dei vostri vestiti debbano la loro esistenza agli idrocarburi aromatici. Questi composti sono anche molto importanti ai fini ecologici: come ingredienti chiave in elementi quali la schiuma isolante per le case e alcuni componenti leggeri per gli aeromobili, gli aromatici permettono di aumentare l’efficienza energetica e quindi di ridurre le emissioni di  CO2.

Tuttavia, nonostante i molti benefici, gli aromatici hanno un limite: molti di quelli prodotti oggi derivano dal petrolio greggio e la maggior parte delle nazioni conviene sul fatto che bisogna ridurre sensibilmente la combustione di petrolio. Ci sono però fonti più verdi per la produzione di idrocarburi aromatici: una di queste è la biomassa. Aromatici rinnovabili possono essere generati portando velocemente materiale vegetale alla temperatura di 500°C, un processo noto come pirolisi catalitica ad alta temperatura.  E nella ricerca di una fonte ecologica per gli idrocarburi aromatici i ricercatori si rivolgono ora ad una delle maggiori fonti di biomasse prodotte dagli umani: i fondi del caffè.

Gli studiosi hanno scoperto che grazie alla torrefazione (che abbassava il peso dei fondi del caffè del 15%) il costo totale della produzione di idrocarburi aromatici dal caffè si abbassava passando da 1.423 dollari la tonnellata a 1.271 dollari la tonnellata, cioè un calo dell’11 per cento

Gli Usa producono circa 1,5 milioni di tonnellate di fondi di caffè, e la maggior parte viene buttata via. Convertire questi scarti in idrocarburi aromatici, pertanto, potrebbe creare una fonte molto ambita e rinnovabile di questi composti. La tecnologia per generare idrocarburi aromatici dal caffè esiste già, ma i costi elevati impediscono che la lavorazione si possa fare su ampia scala, tuttavia un nuovo procedimento potrebbe aiutare. Una delle barriere alla produzione di idrocarburi aromatici dal caffè è data dal costo del trasporto dei fondi. Il trasporto delle merci è infatti caro. Questo è stato il problema che una squadra congiunta di ricerca statunitense-cinese ha cercato di affrontare in uno studio pubblicato lo scorso mese. Dapprima la squadra ha trattato i resti del caffè usando la torrefazione, un processo di riscaldamento che rimuove l’ossigeno dal materiale vegetale rendendolo più leggero e dunque più economico per il trasporto.

Gli studiosi hanno scoperto che grazie alla torrefazione (che abbassava il peso dei fondi del caffè del 15%) il costo totale della produzione di idrocarburi aromatici dal caffè si abbassava passando da 1.423 dollari la tonnellata (il costo dei fondi non trattati) a 1.271 dollari la tonnellata, cioè un calo dell’11 per cento. Non si tratta di un risparmio elevato, e probabilmente per ora non farà sì che le compagnie petrolifere si precipitino a raccogliere i bidoni della spazzatura di Starbucks. Ma è un passo promettente che va nella giusta direzione e ci ricorda che quando trattiamo i nostri avanzi in modo intelligente, ne traiamo benefici considerevoli…

informazioni sull'autore
Robin Wylie