Technology

Catturare il sole

 By Andrew Burger

Guardando il parcheggio di un centro commerciale o di un’arena sportiva pieno di veicoli arroventati sotto il sole, ci si chiede perché non siano protetti da una copertura di pannelli solari. Non solo verrebbe prodotta energia elettrica pulita e senza emissioni, ma clienti, tifosi e dipendenti sarebbero protetti da pioggia, neve e maltempo e, in estate, anche dal calore e dal riverbero del sole…

Nati alla fine degli anni ’50 del secolo scorso, i centri commerciali sono diventati sempre più grandi e complessi. Oggi si trovano in città e periferie di tutto il mondo, i centri commerciali sono diventati icone culturali dei consumi, simboli di modernità e dello stile di vita e della cultura urbani e suburbani globali.

Secondo il direttore ed esperto di energie rinnovabili e di edilizia ambientale Joseph Goodman del Rocky Mountain Institute (RMI), i parcheggi, come quelli che circondano i centri commerciali e gli stadi, hanno il maggiore potenziale non sfruttato di produzione di energia a zero emissioni nelle aree cittadine ed urbane.

Centri commerciali: breve sintesi di una lunga storia

I precursori dei moderni centri commerciali climatizzati furono costruiti a Parigi (Marché des Enfants Rouge, 1628), Oxford, Inghilterrra (Oxford Covered Market, 1774) e San Pietroburgo (Gostiny Dvor, 1785). Ancora oggi in pieno fermento, il Gran Bazar di Istanbul venne costruito nel XV secolo.

I Chester Rows in Inghilterra, che risalgono al XIII secolo, possono essere considerati il più antico “centro commerciale” al mondo costantemente utilizzato. Ogni strada è specializzata in un diverso tipo di prodotto, come ad esempio la “Strada dei panettieri”.

Costruiti per servire un pubblico che si muove in automobile, i moderni centri commerciali invariabilmente dedicano ampi terreni ai parcheggi. Gli ampi spazi asfaltati intorno ai centri commerciali sono potenzialmente perfetti per coperture fatte con pannelli fotovoltaici. Tali iniziative possono portare a progetti energetici puliti ancora più ambiziosi come i sistemi di immagazzinamento dell’energia basati su batterie (BESS) e le stazioni di ricarica per i VE (veicoli elettrici), portando alla creazione di mini- o micro-reti alimentate ad energia solare.

Oltre a fornire in maniera affidabile elettricità senza emissioni e protezione dal maltempo, questi sistemi di produzione locale di energia rinnovabile possono generare dei sostanziali risparmi e nuove fonti di reddito per i proprietari dei centri commerciali, oltre a dimostrarsi vantaggiosi portando più dettaglianti e consumatori.

Tuttavia i progettisti e i proprietarie di centri commerciali hanno riconosciuto lentamente il valore e i molteplici vantaggi offerti dalla più recente generazione di energia rinnovabile e delle tecnologie cleantech. I centri commerciali non sono l’unica grande area di attrazione del pubblico provvista di ampi parcheggi perfetti per lo sviluppo di progetti solari.

Stadi solari

Gli stadi sono fonte di orgoglio civico in tutta Europa e negli USA. Rappresentano un polo di attrazione di residenti e imprese e galvanizzano un senso di identità e appartenenza.

Un numero crescente di stadi e proprietari di squadre sportive negli USA contribuisce all’impegno nazionale alla crescita delle energie pulite. Fra questi spicca Atlanta, Georgia, dove RBI Solar, in collaborazione con Quest Renewables, sta lavorando al completamento della costruzione di un sistema di copertura con pannelli solari fotovoltaici nel nuovo Mercedes Benz Stadium, dove gioca la squadra di football americano degli Atlanta Falcons.

Creata per completare le attività di ricerca e sviluppo volte presso il Georgia Tech Research Institute (GTRI), Quest Renewables è specializzata nella commercializzazione e installazione di strutture fotovoltaiche di avanguardia e di soluzioni di montaggio che hanno ridotto il tempo, la difficoltà e il costo di installazione di sistemi fotovoltaici in aree particolari.

Il tentativo di ridurre il costo dell’energia solare

Sfruttando i finanziamenti iniziali erogati dal Dipartimento dell’Energia (DOE) degli Stati Uniti, SunShot Initiative e altre fonti, Quest continua a sviluppare e raffinare la tecnologia GTRI.

“Il nostro più recente sistema fotovoltaico, il QuadPod Canopy, è stato pensato e progettato specificamente per l’istallazione in parcheggi e deck. Stiamo migliorando la sicurezza assemblando l’intera intelaiatura in sito, sul terreno, e questo ci permette anche di ridurre il tempo necessario per completare l’installazione”, spiega in un’intervista Wyatt Roscoe, responsabile del reparto R&D di Quest e delle attività di sviluppo progetto.

Quest e altre aziende statunitensi del settore hanno visto un calo del 30 percento del costo dei pannelli solari negli ultimi tre o sei mesi, ha dichiarato Roscoe a Eniday. “Sta succedendo che molti immobiliaristi stanno rianalizzando progetti che prima non erano considerati fattibili e che adesso sono economicamente sostenibili. Anche noi stiamo rivalutando progetti che avevamo scartato”.

Come conseguenza il costo dei sistemi di montaggio e collegamento diventa ancora più importante. “Riteniamo che assisteremo a un ulteriore miglioramento dell’economicità dei sistemi fotovoltaici in questi, e in altri, mercati di nicchia”.

“Stiamo valutando l’opportunità di coprire gli impianti di trattamento delle acque, che sono grandi consumatori di energia, e stiamo parlando con i proprietari di grandi negozi “cielo terra” per dimostrare la fattibilità di coprire i loro parcheggi con pannelli solari”, Roscoe.

LEGGI ANCHE: Splende il sole dopo il disastro di Peter Ward

informazioni sull'autore
Andrew Burger